Sondaggio Scenari Politici – Winpoll (25 agosto 2019)

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 6 ottobre 2019

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 25 agosto 2019

La crisi di governo

L’opinione più diffusa tra l’elettorato italiano è che si debba tornare alle elezioni entro l’autunno (41%), un sentimento largamente maggioritario tra l’elettorato dei partiti del centrodestra.

È comunque numericamente rilevante tra l’elettorato la necessità di formare un accordo di governo tra PD e M5S (34%), opzione che vede favorevoli la maggioranza dei sostenitori del centrosinistra.

Tra l’elettorato pentastellato il sentimento prevalente è di favore verso un accordo PD-M5S (43%). La fazione “pro-voto” raccoglie il consenso del 22% dell’elettorato, mentre i favorevoli a dare una seconda chance alla Lega sono il 16%.

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 25 agosto 2019

L’elettorato sembra scettico sulla longevità di un eventuale governo giallo-rosso (51%).

Questo sentimento è condiviso in larga parte dall’elettorato di centrodestra (tra il 75 e il 78%), mentre quello di centrosinistra è più ottimista, ritenendo che possa reggere fino alla fine naturale della legislatura (56% per gli elettori democratici, 45% per gli altri di centrosinistra). Più equamente diviso sulla questione risulta invece l’elettorato pentastellato (37% vs. 34%).

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 25 agosto 2019

È opinione prevalente che la credibilità di Matteo Salvini sia stata danneggiata (58%). L’apertura della crisi di governo per andare subito al voto non è stata apprezzata dall’elettorato, come si evince anche dal forte calo della Lega nelle intenzioni di voto.

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 25 agosto 2019

Sulla scelta di quale partito abbia gestito meglio la crisi di governo, gli italiani non riescono a dare un’indicazione prevalente.

Quando si tratta invece di indicare il partito che si è comportato peggio, la maggioranza degli italiani punta il dito contro la Lega (54%), con il M5S al secondo posto (30%).

Sondaggio Scenari Politici Winpoll 25 agosto 2019

Potete consultare le altre pagine dell’articolo cliccando sui link qui sotto.