Sondaggio Ipsos (27 dicembre 2018)

Sondaggio Ipsos 2 marzo 2019

I flussi elettorali

Ipsos ha compiuto un’analisi sui flussi elettorali delle principali forze politiche tra le elezioni politiche e le attuali intenzioni di voto.

Sembra serpeggiare un certo malcontento nell’elettorato del Movimento 5 Stelle. Solo il 60% dei votanti del 3 marzo confermerebbe il proprio voto. Le maggiori destinazioni dei voti in uscita sono rappresentati dalla Lega (12%) e dall’astensione (20%).

Nei mesi post-voto l’unica forza a guadagnare consensi è stata la Lega, che infatti ha mantenuto l’86% dei suoi elettori, e a cui si sono aggiunti una buona dose di voti in uscita dalle altre forze politiche.

Chi ne esce con le ossa rotte da questa analisi è Forza Italia. Gli azzurri subiscono fortemente la concorrenza intra-coalizione della Lega, che ha assorbito il 32% dei suoi votanti. Rilevanti sono anche le quote verso il M5S e l’astensione. A oggi, solo il 40% dell’elettorato forzista conferma la sua preferenza.

Il Partito Democratico sembra presentare una situazione simile al M5S, con un astensione del 22%. Laddove però i grillini presentano una quota di voti in uscita verso altri partiti del 20%, l’elettorato democratico risulta più fedele alla propria scelta.

Sondaggio Ipsos 27 dicembre 2018

Il gradimento del governo

Ipsos ha confrontato il gradimento del Governo all’insediamento e dopo sei mesi degli ultimi sette governi. Tutti i Governi, con l’eccezione di quello di Paolo Gentiloni, hanno esordito con un consenso elevato. Ma mentre gli altri hanno subito cali più o meno rilevanti, quello presieduto da Giuseppe Conte è l’unico ad aver mantenuto il proprio consenso inalterato, anche qui con l’eccezione di Gentiloni, che lo ha invece aumentato.

Sondaggio Ipsos 27 dicembre 2018

Potete consultare le altre pagine dell’articolo cliccando sui link qui sotto.